I film di Michael Mann

Oggi, 5 febbraio 2011 è il compleanno del regista Michael Mann (nato nel 1943 a Chicago), ed è il caso di festeggiarlo ripercorrendo e celebrando la sua strepitosa carriera, colma di film capovaloro rimasti scolpiti nella storia del cinema.

Mann oltre ai numerosi film, crea e produce Miami Vice (1984-1989), serie televisiva di grandissimo successo e ancora trasmessa in televisione con grande gioia dei fan più appassionati.

Ecco alcuni dei film di Michael Mann, con i quali ha sempre mostrato uno stile rigoroso e riconoscibile in ogni pellicola; un gusto dell'inquadratura che mescola alla perfezione eleganza e ricerca formale; un'estetica cinematografica pienamente personale sia nella regia che nel ritmo narrativo, spesso dilatato e fluido come nella miglior tradizione autoriale europea. Queste, in breve, le caratteristiche del cinema di Michael Mann, uno dei migliori cineasti americani venuti fuori dagli anni '80.


1986 Manhunter - Frammenti di un omicidio

Manhunter - Frammenti di un omicidioIl film segna la nascita cinematografica del personaggio di Hannibal Lecter, lo psicologo-cannibale, qui interpretato da Brian Cox. Dietro le spoglie del thriller l'autore è riuscito a comporre un perfetto puzzle, che mescola sapientemente una straordinaria qualità visiva ed un intreccio narrativo affascinante.


1995 Heat - La sfida

Heat - La sfidaIl film è un noir metropolitano pieno di incroci fra storie e attori come Val Kilmer, Jon Voight, Ashley Judd ed una giovanissima Natalie Portman, oltre ai due protagonisti, per la prima volta contemporaneamente sulla scena, Robert De Niro ed Al Pacino. I due si erano già trovati insieme sul set ne Il padrino di Francis Ford Coppola, ma non avevano girato insieme neppure una ripresa.


2001 Alì

AliMann si cimenta nella biografia di Cassius Clay, alias Muhammad Ali, campione mondiale dei pesi massimi dalla carriera tormentata dalle tensioni razziali dell'epoca (epoca di Malcolm X e Martin Luther King) e dal suo rifiuto alla leva nella guerra del Vietnam che lo costrinse a rinunciare al titolo, poi riconquistato nell'epico incontro contro George Foreman. Il film è interpretato magistralmente da Will Smith che per l'occasione ha sfoggiato un fisico da vero pugile.


2004 Collateral

CollateralCon Collateral, Michael Mann ritorna al genere più amato, quello del thriller metropolitano svolto tutto in un'unica notte. Interpretato da Jamie Foxx e Tom Cruise (qui nell'insolito ruolo di "cattivo"), il film, girato per il 70% in digitale, è ambientato in una Los Angeles notturna e, per usare le stesse parole di uno dei protagonisti, "disconnessa", nella quale ci si può trovare a lottare per la sopravvivenza come nella giungla; un sottofondo di musiche miscelate tra pop, jazz e techno accompagnano l'evolversi della trama verso l'inevitabile duello dei suoi interpreti.


2006 Miami Vice

Miami ViceMiami Vice è la trasposizione sul grande schermo della serie di culto creata da Mann oltre 20 anni prima; il film vede tra i suoi protagonisti ancora Jamie Foxx, che con Colin Farrell ha avuto il difficile incarico di prendere il posto della coppia originale formata da Don Johnson e Philip Michael Thomas. Una colonna sonora splendida fa da contorno a location stupende e scelte con cura dal regista. Mann riesce a creare un capolavoro noir che non è stato apprezzato come avrebbe meritato.


2009 Nemico pubblico - Public Enemies

Nemico pubblico - Public EnemiesL'ultimo film del regista è Nemico pubblico - Public Enemies, biopic noir sulla vita di John Dillinger, famoso rapinatore di banche attivo nella Chicago degli anni '20, in cui collabora per la prima volta con l'attore Johnny Depp. Il film ha visto la partecipazione anche di Christian Bale e di Marion Cotillard, vincitrice del Premio Oscar 2008 per La vie en Rose.


Michael Mann non è un maniaco dei dettagli come molti critici vogliono far credere. A partire dagli abiti fatti indossare agli attori, che sono spesso risalenti alle epoche in cui sono ambientati i film; lo stesso discorso vale per le location, raramente ricostruite negli studios. Ma questo non é essere maniacali, questo é saper fare cinema...

Hai trovato la notizia interessante?

Condividila con i tuoi amici!

Categorie:

Commenti

comments powered by Disqus